Arco di Druso

Arco di Druso

 

L’arco di Druso e Germanico è un arco romano degli inizi del I secolo situato a Spoleto, antica Spoletium, a ridosso del tempio romano e della chiesa di Sant’Ansano.

L‘arco è ad un solo fornice ed è composto da grandi blocchi squadrati di pietra, mentre le decorazioni sono oggi molto frammentarie. A partire dal Medioevo, esso fu inglobato negli edifici vicini, tanto che il pilone occidentale è ancora oggi non visibile, mentre quello orientale è stato riportato alla luce fino all’antico piano di posa, relativo alla pavimentazione del cardo maximus.

 

monumenti_verde-150x150ACCESSIBILITA’ ECCELLENTE

 

indirizzovia Arco di Druso, 19
orarih24
biglietteriaingresso libero
tel_modificato-1 0743 218620

 

    • dav
    • dav
    • dav
    • sdr
    • dav
    • dav
    • sdr

    • dav
    • dav
    • dav
    • sdr
    • dav
    • dav
    • sdr

     

    AMBIENTE ESTERNO: L’ Arco di Druso è un arco di Trionfo che si trova in via Arco di Druso, a pochi passi da piazza del Mercato e da altri punti nevralgici della città, tra cui strutture ricettive, ristoranti, bar e punti d’interesse storico- artistico.

    PARCHEGGIO: E’ possibile arrivare all’Arco di Druso tramite il percorso meccanizzato che parte dal parcheggio della Spoletosfera ed arriva in viale Giacomo Matteotti di fronte alle poste centrali.

    PERCORSO: Dall’uscita del percorso meccanizzato si percorre un breve tratto a piedi percorrendo piazza della libertà e via Brignone. Il percorso è caratterizzato da tratti dissestati e una discreta pendenza soprattutto nell’ultimo tratto quello che và da piazza della Libertà all’imbocco di via Arco di Druso.

     

  • Anche Spoleto ha il suo Arco di Trionfo.

    Da piazza del Mercato, dirigendosi verso piazza della Libertà, si passa sotto un piccolo arco di trionfo, l’Arco di Druso, eretto nel 23 d.C. per decreto del Senato, dopo la morte di Druso e Germanico.

    E’ dedicato a Giulio Cesare Druso (figlio dell’Imperatore Tiberio) e a Gaio Giulio Cesare Germanico (nipote di Augusto e cugino di Druso, divenuto poi, per adozione da parte di Tiberio, fratello di Druso). Tale dedica si rileva da una iscrizione sulla fronte dell’arco, lato Piazza del Mercato.

    E’ ad un solo fornice,  in blocchi di pietra calcarea, scolpiti in facciata a formare una cornice.

    Le sue misure sono basate sul piede romano: è largo 28 pieci (8,30 metri), i piedritti sono di 7 piedi, la profondità di 14 piedi.

    Da un lato si inserisce nelle abitazioni medioevali, che lo hanno inglobato nella loro costruzione. Dall’altra poggia sui resti di un tempio del I secolo d.C. .

 

 

 

via Arco di Druso, Spoleto