Chiesa di San Ponziano

Chiesa di San Ponziano

É la chiesa che venne dedicata a San Ponziano, martire  e patrono della città di Spoleto, sepolto qui secondo la tradizione nel 175 d.C. L’odierna chiesa, in stile romanico, venne rinnovata nel XII°/XIII° secolo. L’interno fu interamente rinnovato nell’ Ottocento da Giuseppe Valadier. Ricca di oggetti, pitture e pezzi architettonici la cripta sottostante.

 

Accessibilità Soddisfacente  ACCESSIBILITA’ SODDISFACENTE
indirizzoVia della Basilica di San Salvatore

orari tutti i giorni 9.30-19.30
biglietteriaingresso gratuito

tel_modificato-10743.225288 (monastero)/ 0743.218620.21 (IAT Spoleto)

 

 

    • DSCF6020
    • DSCF6022
    • DSCF6023
    • DSCF6025
    • DSCF6026

    Ambiente esterno: la Chiesa si trova in una zona leggermente decentrata rispetto al centro storico della città ossia nella zona dell cimitero comunale.Da via  Cacciatori delle Alpi (dove si  trova il parcheggio della Mobilità Alternativa) si supera un sottopassaggio e dopo 200 metri di strada asfaltata in salita si arriva al  parcheggio della Chiesa. Non ci sono servizi nei paraggi.

    Parcheggio: si trova a qualche metro di distanza dalla chiesa. E’ in ghiaia.

    Percorso: dal parcheggio di percorre una strada d’asfalto solo per qualche metro e dopo aver superato un arco d’ingresso largo più di due metri si arriva al piazzale antistante la chiesa che è leggermente in pendenza, a ciottoli a tratti disconnessi ma accessibile.

    Ingresso: per entrare nella chiesa è necessario superare due porte di 78 cm (ma aprendole maggiormente diventano 100 m e 170 m). Non sono presente nè scalini nè pedana; vi è solo un piccolissimo scalino.

    Interno: i corridoi sono facilmente accessibili e percorribili, larghi per le manovre con carrozzine. Non è accessibile l’abside per i numerosi scalini che presenta all’ingresso. solo con carrozzina a spinta è possibile scendere leggermente per accedere al vano che contiene due antichissimi sarcofagi.

    Wc: ci sono e sono accessibili nell ‘adiacente edificio, l’antico monastero, che oggi ospita una struttura alberghiera.

  • Chiesa e monastero di San Ponziano sorgono secondo la leggenda nel luogo del martirio del santo. Ponziano, oggi Santo patrono della città, subì il martirio nel 175 d.C. sotto l’imperatore M.A. Antonino. Il luogo venne poi venerato con molta devozione dagli  abitanti tanto che divenne cimitero cristiano nel X° secolo. Nell’XI° sec. vi è attestato un fiorente monastero di monache benedettine, poi delle clarisse (XVI°sec.). L’odierna chiesa fu eretta tra la fine del XII° e gli inizi del XIII sec. ed è in pieno stile romanico. Nella facciata ci sono due leoni su urne romane che sostengono gli stipiti dell’elegante portale. Sull’architrave del portale vi è scolpito “Agnello mistico tra il leone e l’aquila” e un’iscrizione in esametri. Sopra vi è un rosone mutilo con intorno i simboli dei quattro evangelisti.

    L’interno a tre navate fu rinnovato integralmente nel 1788 su progetto di Giuseppe Valadier. Ci sono in alcuni punti della chiesa resti di colonne e capitelli della struttura originaria. La cripta è a tre navate con cinque absidi., con colonne di spoglio e capitelli rozzi. Scendendo si trovano dei sarcofagi del primitivo cimitero. Alle pareti numerose opere pittoriche di tipo votivo  dei secoli XIV° e XV°. Di rilievo”La Madonna in trono” nell’abside sinistro dei primi del ‘300 e “Angelo e due oranti” nell’abside destro del maestro di Fossa.

     

     

     

     

     

 

Via S. Salvatore Basilica, 2,, Spoleto