Torre dell’Olio

Torre dell’Olio

 

E’ la torre più alta di Spoleto, e prende il suo nome dal fatto che da qui si gettava, a scopi difensivi, olio bollente sui nemici.La leggenda vuole che con questo sistema fosse stato respinto, nel 217 a.C., l’attacco di Annibale, e che questa sconfitta avesse convinto il condottiero africano a temporeggiare. Altrimenti un rapido attacco a Roma l’avrebbe trovata impreparata. Ma la torre che esisteva all’epoca, pur giacendo sullo stesso punto, era notevolmente diversa: quella attuale dovrebbe essere del XIII secolo.La torre è compresa nel Palazzo Virgili.Ha la pianta di circa 2,80 x 7,00 metri, ed è alta 45,50 metri, di cui quasi venti sporgenti dal palazzo.

monumenti_verde-150x150  ACCESSIBILITA’ ECCELLENTE

 

indirizzovia Porta Fuga, 23
biglietteriaingresso libero

 

  •  

    soliloquy id=”5200″]

    • fuga
    • torre-olio-3

     

    AMBIENTE ESTERNO: La torre dell’olio si trova in via Portafuga a pochi passi da Corso Garibaldi e Corso Mazzini, nel cuore di Spoleto. Sono presenti nelle immediate vicinaze bar, ristoranti, strutture ricettive,bancomat e diversi punti d’interesse storico- artistici.

    PARCHEGGIO: Si può raggiungere la Torre dell’Olio in due modi: parcheggiando con il proprio mezzo nei parcheggi a pagamento di piazza San Gregorio, oppure nel parcheggio della mobilità alternativa della Posterna, in via Posterna, che grazie al tapis roulant e gli ascensori vi porteranno direttamente a pochi passi dall’omonima Torre.

    PERCORSO: Da piazza San Gregorio si attraversa Corso Mazzini. Il percorso su pavimentazione cementata e liscia risulta buono con ampio spazio di manovra. Proseguendo su Corso Garibaldi si arriva all’inizio di via Porta Fuga, strada con elevata pendenza, stretta, e un pò difficoltosa nelle manovre.

    Dal percorso meccanizzato della Posterna, si posteggia il proprio mezzo e lì si percorre il tapis roulant per prendere poi l’ascensore con l’uscita direttamente alla Torre dell’olio.

     

     

     

  • Annessa al cinquecentesco Palazzo Vigili, è la torre più alta della città, e trae il suo nome dall’antica consuetudine difensiva consistente nel gettare dalla sommità delle torri l’olio bollente sugli assalitori. La torre attuale risale probabilmente al XIII secolo, ma un elemento difensivo affine esisteva nello stesso luogo già nel 217 a.C., quando le truppe cartaginesi di Annibale, in marcia verso Roma, vennero respinte dagli spoletini. La memoria di tale celebre avvenimento ha dato poi il nome alla porta che sorge proprio sotto alla torre, Porta Fuga.

 

via Portafuga 23, Spoleto